Come recintare al meglio il giardino

Un adeguato sistema di recinzione è fondamentale per delimitare il proprio giardino e proteggerlo da eventuali tentativi di intrusione e sguardi indiscreti. Le soluzioni disponibili in commercio sono molteplici ed eterogenee; abbiamo dunque pensato di offrirvi una breve guida utile ad orientare la scelta della recinzione più adatta alle vostre specifiche esigenze, con un approfondimento sulle reti metalliche elettrosaldate e a maglia sciolta.

Valutare materiali e modelli disponibili

Una buona recinzione per il giardino dovrebbe possedere alcuni specifici requisiti che elenchiamo qui di seguito:

  • resistenza agli agenti atmosferici;
  • capacità di adattarsi alle caratteristiche del terreno;
  • solidità e sicurezza anche nel caso di un tentativo di intrusione;
  • capacità di integrarsi in modo armonioso nell’ambiente;
  • manutenzione sostenibile.

Naturalmente le performance di una recinzione variano in relazione ai materiali, alla manifattura, alle modalità di installazione. Per quanto riguarda i materiali, tra i più utilizzati in questo ambito troviamo il legno, il metallo, il cemento, il tufo. Noi qui vi parliamo in modo approfondito delle recinzioni metalliche. Vediamo per prima cosa i vantaggi offerti da questo tipo di recinzione:

  • facilità di installazione;
  • prezzo accessibile;
  • semplicità di manutenzione;
  • sicurezza;
  • alta resistenza;
  • libero passaggio della luce.

Le recinzioni metalliche si prestano molto bene dunque a delimitare e proteggere giardini e aree verdi. In commercio troviamo numerosi modelli caratterizzati da diversi metalli e leghe, rivestimenti (zinco, pvc…), tipologie di lavorazione e trattamenti, forme e disegni. Ognuno di questi fattori determina naturalmente differenti performance. Una distinzione importante, da questo punto di vista, è tra le reti metalliche elettrosaldate e quelle a maglia sciolta.

  • Le reti elettrosaldate sono rigide, hanno ottima resistenza e solidità e una posa in opera più longeva, per contro, il costo a metro quadro è tipicamente più alto.
  • Le reti a maglia sciolta sono più flessibili, hanno un costo più vantaggioso e una grande versatilità di utilizzo; inoltre, consentono di tracciare un percorso non lineare senza l’installazione di basi di appoggio.

Un’ulteriore distinzione da fare è tra le reti metalliche commercializzate in rotoli e quelle in pannelli. Le seconde sono costituite da pannelli modulari rigidi e sono perfette sia per l’installazione su terreni pianeggianti, sia nel caso di recinzioni miste costituite da un muro (in mattoni di cemento o blocchi di tufo) e gli stessi pannelli metallici. Per i terreni caratterizzati da pendenze, invece, è preferibile optare per le reti metalliche in rotoli, a maglia sciolta.

Progettare e installare il sistema di recinzione

La fase di progettazione è essenziale per la buona riuscita del sistema di recinzione. Gli elementi da prendere in considerazione in questa fase sono molteplici, elenchiamo qui quelli più importanti:

  • estensione e caratteristiche del giardino;
  • peculiarità delle zone confinanti;
  • strutture presenti nell’area da recintare;
  • destinazioni d’uso delle diverse zone del giardino: un piccolo orto, un’area riservata ad animali da cortile, una zona relax arredata…;
  • piante e alberi di grande rilevanza a ridosso dei confini della proprietà;
  • caratteristiche morfologiche di particolare importanza;
  • percorsi compiuti da tubature e allacci relativi ai diversi servizi (elettricità, gas, acqua);
  • posizione e dimensioni degli ingressi al giardino;
  • posizione dei punti luce;
  • posizione degli impianti di irrigazione e drenaggio;
  • presenza o meno di professionisti durante la fase di installazione.

Tenere in considerazione questi fattori ci permette di impostare un progetto capace di adattarsi al meglio al contesto e alle esigenze reali. Dopo aver valutato al meglio il contesto di riferimento, siamo pronti per definire il perimetro della recinzione, i materiali più adeguati e le relative quantità. In questa fase è opportuno anche informarsi sulle normative a livello locale e nazione che disciplinano la posa in opera di una nuova recinzione.

Una volta portata a termine la fase di progettazione, è opportuno scegliere il metodo di installazione più adeguato e procedere poi con la posa in opera vera e propria. Nel caso delle recinzioni metalliche vi segnaliamo la nostra guida Come installare una recinzione metallica in modo semplice e sicuro.

Qui vi riproponiamo in estrema sintesi i passaggi fondamentali da seguire:

  • Installare i pali a partire da quelli terminali e procedere in seguito con quelli intermedi.
  • Installare i fili di tensione.
  • Installare la rete metallica procedendo dal primo palo terminale fino all’ultimo, avendo cura di tenerla ben tesa e fissandola ai pali intermedi e ai fili di tensione.

Per ogni esigenza la giusta rete metallica

Facciamo a questo punto un esempio pratico per capire come effettuare concretamente una scelta.  Poniamo il caso di un giardino privato che circonda un’abitazione, costituito da una zona destinata al relax arricchita da aiuole ornamentali e un’area riservata ad un piccolo orto. Il giardino confina con un’altra proprietà privata e con una strada. In una situazione del genere avremmo bisogno di adottare soluzioni differenti in relazione, nello specifico:

  • Recinzione perimetrale: potremmo creare una recinzione mista costituita da un muretto in cemento e una rete metallica elettrosaldata in pannelli solida, sicura e resistente. Accanto potremmo prevedere degli arbusti sempre verdi in grado di garantire privacy e integrare al meglio la recinzione nello spazio verde delimitato.
  • Recinzione per le aiuole ornamentali: rete metallica intrecciata in grado di proteggere al meglio le piante fiorite e caratterizzata da un disegno elegante, così da assicurare un’armoniosa integrazione nel contesto.
  • Recinzione per il piccolo orto: rete metallica annodata o a semplice torsione caratterizzata da durabilità e malleabilità, capace di delimitare e proteggere l’area destinata agli ortaggi in modo efficace e discreto.

Le recinzioni per il giardino firmate Cavatorta

Cavatorta offre una vasta gamma di prodotti perfetti per la recinzione del giardino. Vediamo qui in sintesi alcuni dei prodotti presenti in catalogo.

Combiplax
Rete in filo zincato, elettrosaldata e plasticata, a maglie differenziate, caratterizzata da un disegno tecnico esclusivo ed elegante. Stabile, sicura, facile da installare.

Scheda completa Combiplax

Arcoplax
Rete metallica plastificata a maglia differenziata, con bordatura ad archi nella parte superiore. Ideale per delimitare aiuole e giardini, in perfetta armonia con l’ambiente naturale.

Scheda completa Arcoplax

Esaplax 4×4
Rete in filo zincato, elettrosaldata e plastificata, con maglia a forma quadrata. Perfetta per la realizzazione di gabbie, voliere, grate.

Scheda completa Esaplax 4×4

Panofort
Recinzione in pannelli modulari elettrosaldati e plastificati in filo d’acciaio zincato, con maglie a forma rettangolare, doppi fili orizzontali di rinforzo di elevato diametro e punte nella parte superiore. Ideale per una recinzione ad alta sicurezza che non solo delimita, ma difende la proprietà dalle intrusioni.

Scheda completa Panofort

Panoplax
Recinzione in pannelli modulari, in filo d acciaio zincato, elettrosaldati e plastificati con maglie a forma rettangolare, nervature orizzontali di rinforzo e punte nella parte superiore. Elegante, solida, resistente alla corrosione, versatile e modulare, facile da installare e da trasportare. Perfetta per la recinzione di aree ad uso residenziale e spazi verdi.

Scheda completa Panoplax

Panopro
Rete in pannelli modulari, in filo d acciaio zincato, elettrosaldata e plastificata, con maglie a forma rettangolare, nervature orizzontali di rinforzo e punte nella parte superiore. Ideale per la recinzione di spazi residenziali, caratterizzata da robustezza, solidità, facilità di installazione, estetica gradevole e moderna.

Scheda completa Panopro

Foto di copertina
Theen Moy – Peeping Agapanthus / CC BY-NC-SA