Torna al blog

Guida al Bonus verde 2018: quali interventi sono inclusi e come usufruirne

La Legge di Bilancio 2018 prevede il cosiddetto Bonus Verde, vale a dire una detrazione Irpef del 36% sulle spese sostenute nel corso del 2018 per specifici interventi di recupero, rinnovo e creazione di aree verdi private, di pertinenza a unità immobiliari esistenti. Il bonus va calcolato su un limite massimo di spesa di 5.000 euro per ogni unità immobiliare ad uso abitativo. La detrazione viene poi ripartita nell’arco di 10 anni in quote annuali di pari importo. In sostanza, un massimo di 1.800 euro divisi in quote da 180 euro l’una.

Tra gli spazi contemplati nel bonus rientrano:

  • giardini;
  • cortili;
  • balconi;
  • terrazzi.

Gli interventi inclusi nel Bonus Verde

Gli specifici interventi inclusi nel bonus sono:

  • creazione di spazi verdi nell’ambito di aree scoperte private e realizzazione di coperture a verde;
  • rinnovo o realizzazione di recinzioni, impianti di irrigazione e pozzi nei contesti descritti al punto precedente.

Per quanto riguarda le recinzioni, aggiungiamo una nota importante: queste ultime beneficiano anche della detrazione per il recupero edilizio, corrispondente al 50% su una spesa massima di 96.000 euro nei casi in cui la recinzione coincida con un’opera di sicurezza finalizzata alla prevenzione di furti o effrazioni. Evidenziamo inoltre che per usufruire di questo specifico bonus è necessario un bonifico tracciabile.

L’Agenzia delle Entrate ha inoltre specificato che per usufruire del bonus gli interventi devono avere natura straordinaria. Vale a dire che devono far parte di un progetto di ampio respiro, finalizzato a rinnovare in modo profondo l’area interessata o a creare ex novo uno spazio verde.

Completiamo il quadro relativo agli interventi inclusi nel Bonus con due note significative.

  • Tra le spese agevolabili rientrano anche quelle relative alla progettazione e alla manutenzione connesse all’intervento.
  • Nel caso di un complesso condominiale sono inclusi anche i lavori che interessano il rinnovamento di parti comuni esterne. I singoli condomini potranno infatti usufruire della detrazione versando al condominio la quota personale destinata agli interventi. In questo specifico caso l’importo massimo di 5.000 euro verrà moltiplicato per il numero di singole unità immobiliari e la detrazione complessiva divisa tra i condomini. Non solo, nel caso in cui un condomino abbia eseguito parallelamente lavori anche nel proprio spazio verde privato, potrà richiedere un secondo ulteriore bonus sul massimale di 5.000 euro di spesa.

Gli interventi esclusi dal Bonus Verde

Oltre agli interventi di natura ordinaria, sono esclusi dal bonus anche i seguenti casi:

  • gli interventi effettuati in economia direttamente dal contribuente;
  • l’acquisto di macchinari;
  • le abitazioni di nuova costruzione;
  • le aree verdi di edifici ad uso non abitativo (per quelli ad uso promiscuo il bonus è dimezzato del 50%).

Chi può beneficiare del Bonus Verde e come usufruirne

Possono usufruire del Bonus Verde non solo i proprietari, ma anche gli inquilini, i comodatari o i nudi proprietari delle aree soggette all’intervento.

Naturalmente, il requisito fondamentale per godere del Bonus è essere assoggettato all’Irpef (imposta sul reddito delle persone fisiche).
Per usufruire del Bonus Verde è fondamentale che i pagamenti vengano effettuati attraverso modalità tracciabili come: bonifico bancario, carta di credito, assegno non trasferibile, bancomat. In caso di bonifico inoltre è bene specificare: Interventi soggetti al Bonus verde – Pagamento fattura n. ___ del___ a favore di ___ P.I. ___. Naturalmente è opportuno conservare tutti i documenti che attestano i pagamenti. Infine, le fatture dovranno specificare natura, qualità e quantità di servizi e beni acquistati.

Le recinzioni Cavatorta per il giardino e le aree verdi residenziali

Come abbiamo visto, il Bonus Verde include anche la realizzazione o il rinnovo di impianti di recinzione. Qui vi proponiamo alcuni dei sistemi Cavatorta progettati per il giardino e le aree verdi residenziali.

Moonline

Un sistema di recinzione dal design minimal e raffinato perfetto per la protezione di aree residenziali. Moonline si caratterizza per maglie differenziate, con esclusivo effetto onda, eleganti pali con agganci a scomparsa, angoli privi di interruzioni visive e cancelli scultura. La luce definisce le zone del perimetro e i punti di accesso, creando effetti suggestivi, e al contempo funzionando quale elemento di sicurezza.

Visualizza la scheda di approfondimento di Moonline

Panopro

Recinzione in pannelli modulari, in filo d’acciaio zincato, elettrosaldati e plasticati. Di colore verde, con maglie a forma rettangolare, nervature orizzontali di rinforzo e punte nella parte superiore. Elegante, robusto, versatile e modulare il sistema Panopro è ideale per la recinzione di aree ad uso residenziale e spazi verdi.

Visualizza la scheda di approfondimento di Panopro

Arcoplax

Rete metallica plasticata a maglia differenziata, con bordatura ad archi nella parte superiore. Ideale per l’ornamento e la protezione di aiuole e giardini.

Visualizza la scheda di approfondimento di Arcoplax

Everplax

Rete in acciaio zincato, elettrosaldata e plasticata, con triplo vivagno alle estremità. Ideale per la recinzione di aree ad uso residenziale.

Visualizza la scheda di approfondimento di Everplax

Per una visione complessiva dei nostri prodotti vi invitiamo a consultare il nostro catalogo completo.

Articoli correlati

Come scegliere e installare la giusta recinzione per la casa

Una guida ricca di consigli per aiutarvi a scegliere una recinzione per la casa sicura, resistente nel tempo, in linea con lo stile della vostra abitazione.

Leggi l'articolo

Come recintare al meglio il giardino

Idee e consigli per scegliere la recinzione più adatta per il giardino e procedere al meglio nelle fasi di lavoro: dalla progettazione all’installazione.

Leggi l'articolo
Torna al blog

Iscriviti alla newsletter Cavatorta