Torna al blog

Reti antifessurazione per recupero di intonaci e armatura leggera

Una delle cause principali del deterioramento di uno stabile è il degrado del suo rivestimento e delle mura interne, spesso causato da uno scarso intervento di protezione in fase di realizzazione. Da questo punto di vista, l’intonaco armato realizzato con reti antifessurazione è una delle migliori soluzioni edilizie per il consolidamento, il recupero e il rinforzo strutturale di facciate e pareti interne di edifici esistenti.

In questo articolo forniamo un approfondimento sui contesti d’uso delle reti antifessurazione con un focus dedicato ai prodotti Cavatorta.

Reti antifessurazione: caratteristiche e contesti d’uso

Il deterioramento di una facciata o di una parete interna può essere causato da:

  • scarsa qualità dei materiali usati in fase di realizzazione;
  • errata esecuzione dei lavori di intonacatura;
  • infiltrazioni di acqua e di umidità;
  • movimenti di assestamento dell’edificio;
  • murature di base con forti irregolarità;
  • impiego di diverse tipologie di materiali durante la costruzione.

Per la ristrutturazione e il consolidamento di pareti e facciate, ma anche per il ripristino di pavimenti, balconi, terrazze e massetti, sono necessari interventi mirati con materiali contenitivi che risolvono eventuali cedimenti o distacchi e garantiscono solidità e resistenza nel tempo.

L’intonaco armato realizzato con reti antifessurazione è tra le soluzioni più valide per questi interventi di ristrutturazione edilizia, soprattutto quando sono presenti fessurazioni importanti dovute a forti sollecitazioni o ad un marcato degrado.

Le reti antifessurazione hanno lo scopo di distribuire in modo uniforme le sollecitazioni sulla superficie trattata garantendo così aderenza e stabilità e contenendo l’eventuale formazione di nuove fessurazioni. Facciate, massetti, intonaci e getti di calcestruzzo possono essere interessati da fessurazione nei primi giorni dopo il getto a causa dal ritiro delle miscele di cui sono formati perché la loro consistenza è ancora troppo fresca e blanda.

Gli intonaci in particolare poi sono esposti al fenomeno dello “slump”, un movimento incontrollato della miscela verso il basso che si presenta soprattutto quando non è della giusta consistenza e la superficie risulta poco aderente.

Per ovviare a queste problematiche, vengono utilizzate proprio le reti antifessurazione con il duplice obiettivo di:

  • impedire lo sviluppo della fessura bloccandola nel momento in cui comincia a formarsi;
  • intercettare altre fessurazioni che potrebbero svilupparsi in seguito al naturale ritiro del materiale usato.

Le funzioni principali della rete sono quindi: limitare l’apertura delle fessure, minimizzare eventuali ‘debolezze’ nelle superfici trattate e assicurare stabilità e resistenza alle sollecitazioni future.

Recupero e armatura di intonaci deteriorati

Per il recupero di intonaci degradati è necessario un trattamento preventivo stabilito sulla base del materiale compositivo, solo dopo si interviene con l’armatura. Ad esempio, in presenza di muratura con forti irregolarità è di primaria importanza ricostruirla dove necessario prima di procedere con il rinforzo tramite intonaco armato.

Una volta assicurata la solidità della base si procede con i seguenti step:

  • rimozione del vecchio intonaco e della malta (ove presente);
  • applicazione del primo strato di intonaco;
  • foratura per inserimento dei connettori della rete antifessurazione;
  • installazione della rete antifessurazione;
  • applicazione di un ulteriore strato di intonaco.

La rete antifessurazione così inserita ha l’obiettivo di distribuire uniformemente le sollecitazioni su tutta superficie trattata e di garantire così aderenza, stabilità e resistenza agli urti e all’usura.

Pavitec Pro e Pavitec Professional, le reti antifessurazione firmate Cavatorta

Cavatorta offre due tipologie di rete antifessurazione ad alte performance che descriviamo brevemente di seguito.

Pavitec Professional

Pannello caratterizzato da un’innovativa geometria del supporto: grazie alle 5 pieghe longitudinali della rete non sono necessari i distanziatori per la posa in opera. Due delle cinque pieghe sono deputate alla sovrapposizione dei pannelli eliminando così la necessità delle tradizionali legature, mentre le altre tre pieghe intermedie consentono di camminare sul pannello evitando ogni tipo di deformazione.

I fili della rete sono realizzati in acciaio zincato ad elevata resistenza (700-800 N/mm2) con nervature che contrastano lo scivolamento tra acciaio e cemento. Inoltre Pavitec Professional si posa velocemente e con facilità: le pieghe longitudinali semplificano l’allineamento dei pannelli e consentono l’applicazione sollevata rispetto al sottofondo.

Per informazioni più specifiche vi invitiamo a consultare la scheda tecnica di Pavitec Professional

Pavitec Pro

Rete elettrosaldata ad aderenza migliorata in fogli piani concepita per pavimenti e facciate, con funzione anti fessurativa e anti ritiro.

I fili zincati ortogonali tra loro sono caratterizzati da nervature che impediscono lo scorrimento reciproco fra acciaio e cemento e migliorano l’aderenza tra il pannello e il conglomerato cementizio. Pavitec Pro è idonea sia per edilizia tradizionale che industriale, soprattutto per la realizzazione di sottofondi planari e compatti su cui viene incollato il rivestimento.

La rete antifessurazione Pavitec Pro incrementa la resistenza meccanica, previene la formazione di fessurazioni e lesioni causate da carichi concentrati ed è idonea anche per la realizzazione di intonaci con spessore superiore ai 3,5 cm.

Per informazioni più specifiche vi invitiamo a consultare la scheda tecnica di Pavitec Pro

Articoli correlati

Rete metallica elettrosaldata: caratteristiche, materiali e contesti d’uso

Recinzione di aree residenziali e giardini, messa in sicurezza di aree agricole e allevamenti, recinzione di cantieri, impianti industriali e sportivi, armatura per la realizzazione di massetti per pavimenti e solai di copertura. Questi sono solo alcuni dei contesti di utilizzo della rete metallica elettrosaldata, una tipologia di rete essenziale nel settore edilizio, industriale e agricolo. […]

Leggi l'articolo

Gabbioni metallici: caratteristiche e scenari d’uso

I gabbioni metallici sono ampiamente utilizzati per la realizzazione di opere di consolidamento in diversi scenari nei quali l’opera dell’uomo e della natura coesistono e determinano specifiche esigenze in termini di sicurezza e solidità strutturale. In questo articolo vogliamo approfondire funzionalità, caratteristiche e modalità di installazione dei gabbioni metallici, così da offrire a chi abbia […]

Leggi l'articolo
Torna al blog

Iscriviti alla newsletter Cavatorta