Torna al blog

Limes, i volti metallici di Edoardo Tresoldi nello skyline di Barcellona

Dopo il grande successo di Aura realizzata a Le Bon Marche Rive Gauche, celebre centro commerciale parigino e la maestosa ricostruzione della Basilica di Siponto, Edoardo Tresoldi ha creato una nuova installazione scultorea nel centro di Barcellona.

Stiamo parlando di Limes, un’installazione site-specific realizzata in occasione del 25esimo anniversario de L’Illa Diagonal, iconico shopping center di Barcellona progettato da Manuel de Solà-Morales e Rafael Moneo situato sull’Avinguda Diagonal, una via lunga 11 chilometri che taglia in due la città.

L’opera è esposta sulla copertura de L’Illa fino al 26 gennaio 2019 dopodiché sarà parzialmente riallestita negli spazi interni dell’edificio.

Limes è stata realizzata in rete metallica Cavatorta, materiale d’eccellenza che ha reso famoso Tresoldi per le sue opere monumentali architettonicamente visionarie che esprimono il concetto di “Materia Assente”, il dialogo continuo tra materia ed effimerità.

Limes è una riflessione sullo spazio pubblico inteso come teatro di interazioni umane: un luogo in cui le percezioni spaziali sono costellate da incontri fugaci che generano esperienze soggettive e ricordi. La Materia Assente è qui rappresentata come l’architettura immateriale nata da dinamiche simili: uno spazio etereo ritmato da interazioni chimiche ed empatiche sempre diverse.” – Edoardo Tresoldi

L’installazione si erge sul tetto dell’edificio, a 56 metri da terra, ed è composta da sei volumi trasparenti plasmati in altrettanti volti umani allineati lungo il perimetro del palazzo, guardandoli dal basso cambiano forma se ci si sposta lungo la facciata dell’edificio. Il loro sguardo è rivolto in diverse direzioni, quasi a voler superare dei limiti all’orizzonte e allo stesso tempo fondersi con esso per omaggiare lo spazio pubblico quale luogo eletto per fugaci scambi empatici.

A seconda del punto di vista, i volti metallici di Tresoldi catturano la luce da diverse angolazioni e si plasmano con le sfumature cromatiche del cielo in un’alternanza appena impercettibile di spazi pieni e vuoti messi in evidenza dalla trasparenza della rete metallica.

L’opera impalpabile e visionaria dialoga apertamente con il maestoso stile architettonico de L’Illa Diagonal arricchendolo di volumi trasparenti che donano all’edificio un’allure urbana pur mantenendo il fascino del suo stile più classico.

Ancora una volta Edoardo Tresoldi ci stupisce e affascina con un’opera visionaria straordinariamente espressiva. Ancora una volta noi di Cavatorta siamo orgogliosi di averlo potuto affiancare con le nostre reti metalliche per esprimere la sua creatività.

Fonti Immagini
edoardotresoldi.com
Photo Credit: © Roberto Conte

Fonti e Risorse
edoardotresoldi.com
collater.al
art-vibes.com

Articoli correlati

Gharfa: la nuova opera firmata da Edoardo Tresoldi

Studio Studio Studio è il nuovo programma interdisciplinare concepito da Edoardo Tresoldi per creare progetti culturali ibridi con la collaborazione di artisti, musicisti, designer, architetti, film maker e ridefinire il concetto di creatività grazie a diverse contaminazioni culturali, sociali ed estetiche. Studio Studio Studio ha da poco inaugurato Gharfa, un’opera site-specific realizzata in occasione del […]

Leggi l'articolo

Cavatorta e il suo sodalizio con l’arte sulla Gazzetta di Parma

Condividiamo oggi l’articolo firmato da Patrizia Ginepri e pubblicato sulla Gazzetta di Parma che racconta il sodalizio costruito nel tempo dal nostro gruppo con l’arte e la grande architettura. Più nello specifico, le reti e i fili metallici Cavatorta sono stati selezionati e utilizzati da personaggi del calibro di Renzo Piano ed Edoardo Tresoldi per […]

Leggi l'articolo
Torna al blog

Iscriviti alla newsletter Cavatorta